Big Bands from the SWING ERA (gli ANNI ’30)

IMG_20160704_203447

Un equivoco piuttosto comune nella cosiddetta scena Swing è quello che si possa situare l’Era dello Swing tra anni’30 e anni ’50 e in tal modo vengo pubblicizzati diversi eventi.

In realtà, se vogliamo stare alle definizioni storiche, l’era dello Swing convenzionalmente comincia nel 1935 (con un famoso concerto trasmesso alla radio dal Palomar di Los Angeles dell’orchestra di Benny Goodman) e finisce con la fine del secondo dopoguerra nel 1946 (per vari motivi sociali, economici e musicali). Ovviamente la musica e le epoche non nascono né si interrompono all’improvviso e per quanto ci riguarda la fine degli anni ’20 e la prima metà degli anni ’30 furono un periodo decisivo per lo sviluppo delle novità denominate poi Swing. In particolare la formazione delle Big Band e l’arte dell’arrangiamento conoscono in quegli anni sviluppi decisivi grazie ad artisti come Fletcher Henderson e Don Redman. Ma questo ho già cercato di spiegarlo con un altro progetto musicale pubblicato a puntate qui

IMG_20160704_203508Voglio però ora raccontarvi un disco speciale, che racconta la storia di quegli anni, in particolare degli anni ’30, tra i più fertili in tutta la storia del Jazz. Lo vedete nelle fotografie, è una raccolta che racchiude personaggi più e meno celebri di questa saga musicale, in una serie di esecuzioni dal vivo in precedenza mai incise su vinile.

Parliamo in primis di uno dei protagonisti assoluti, il Re del Savoy con la sua orchestra, Chick Webb

Ma la questa storia è stata scritta anche da orchestre meno celebri, in origine chiamate territory bands, perché avevano sede localmente in città e stati diversi degli USA. Il loro suono era spesso caratteristico e cambiava proprio a seconda del luogo, per cui si puà parlare di Kansas City Sound, di Texas Sound e di altri diversi stili orchestrali. Insieme a queste formazioni c’erano poi le star che erano sotto i riflettori, come Bob Crosby, leader dei Bob Cats, una delle band di maggiore successo all’epoca, per il suo legame con il Dixie ancora molto popolare (l’esecuzione scatenata di questo “canto d’amore pagano” è del 1938).

Spesso furono poi i solisti principali che fecero strada in queste band a fondare dei loro gruppi autonomi. In questo disco possiamo sentire all’opera tra gli altri grandi musicisti come Tex Beneke, Jack Teargarden ed Edmund Hall.

Un discorso a parte merita Artie Shaw, il clarinettista più famose dell’epoca, insieme a Benny Goodman. Qui lo possiamo sentire in due rare registrazioni del 1937-1938 coi suoi spumeggianti The Rhythm Makers, prima che negli anni successivi la sua arte seguisse vie più melodiche e commerciali. Lo Swing degli anni ’40 e ’50 fu infatti anche questo: una maggiore facilità e ripetitività, meno estro per i solisti, meno fantasia musicale. Anche per tale motivo poi il Jazz seguì e sperimentò altre strade. Possiamo sentire questa direzione anche nelle incisioni degli anni 1945 e 1946 incluse in questa raccolta, con le orchestre capitanate da Tex Beneke, ex sassosonista solista di Glenn Miller, e Randy Brooks.

Non resta che augurare buon ascolto a tutti e viva gli anni ’30 (musicalmente parlando)!

🙂

Mazz Jazz aka Professor Bop

IMG_20160704_203430

Annunci

Un percorso CLIL nella storia sociale e musicale afroamericana – A CLIL introduction to afroamerican social and music history

SELMA

Ho il piacere di inaugurare con questo post un nuovo progetto scolastico, organizzato con la collaborazione degli studenti delle classi quinte dell’Istituto di Istruzione Superiore Cremona di Milano.

Qui di seguito una breve presentazione dei materiali e degli argomenti che verranno utilizzati e discussi durante il modulo CLIL (Content and Language Integrated Learning), a beneficio degli studenti interessati.

A seguire pubblicheremo dei brevi articoli di approfondimento, frutto del lavoro cooperativo docente-studenti.

Vi aspetto nel laboratorio di storia!

🙂

index

_____________________________

PLAYLIST

CHRONOLOGY

  • GOSPEL/SPIRITUAL: End of the Nineteenth century
  • BLUES: Beginning of the Twentieth century
  • JAZZ: ’20s-’30s
  • RHYTHM AND BLUES: ’40s-’50s
  • SOUL: ’60s
  • FUNKY: ’70s
  • HIP HOP: ’80s-’90s

LYRICS

Nobody knows the trouble I’ve seen

Nobody knows the trouble I’ve seen
Nobody knows my sorrow
Nobody knows the trouble I’ve seen
Glory, Hallelujah

Sometimes I’m up, sometimes
I’m down, ohh, yes Lord
Sometimes I’m almost
To the ground, oh yes, Lord

Nobody knows the trouble I’ve seen
Nobody knows but Jesus
Anybody knows the trouble I’ve seen
Glory, Hallelujah

If you got there before
I do, oh yes Lord
Tell all my friends, I’m
Coming too, oh yes Lord

Nobody knows the trouble I’ve seen
Nobody knows but Jesus
Nobody knows the trouble I’ve seen
Glory, Hallelujah

Although you see me
Goin’ on so, oh yes
I have my trials, here below
Ohh yes, Lord

Oh, nobody knows the trouble I’ve seen
Nobody knows but Jesus
Nobody knows the trouble I’ve seen
Glory, Hallelujah
Ohh, glory, Hallelujah

Everyday I have the Blues

Everyday, everyday I have the blues
Everyday, everyday I have the blues
When you see me worried baby
Because it’s you I hate to lose
Oh nobody loves me, nobody seems to care
Yes nobody loves me, nobody seems to care
Speaking of bad luck and trouble
Well you know I had my share
I’m gonna pack my suitcase, move on down the line
Yes I’m gonna pack my suitcase, move on down the line
Where there ain’t nobody worried
And there ain’t nobody crying

Strange fruit

Southern trees bear a strange fruit,
Blood on the leaves and blood at the root,
Black bodies swinging in the southern breeze,
Strange fruit hanging from the poplar trees.
Pastoral scene of the gallant south,
The bulging eyes and the twisted mouth,
Scent of magnolias, sweet and fresh,
Then the sudden smell of burning flesh.
Here is fruit for the crows to pluck,
For the rain to gather, for the wind to suck,
For the sun to rot, for the trees to drop,
Here is a strange and bitter crop.

cotton-pickers-1

Shake rattle and roll

Get outta that bed
Wash your face and hands
Get outta that bed
Wash your face and hands
Well, you get in that kitchen
Make some noise with the pots and pans

Way you wear those dresses
The sun comes shinin’ through
Way you wear those dresses
The sun comes shinin’ through
I can’t believe my eyes
All that mess belongs to you

I believe to the soul
You’re the devil and now I know
I believe to the soul
You’re the devil and now I know
Well, the more I work
The faster my money goes

I said shake, rattle and roll
Shake, rattle and roll
Shake, rattle and roll
Shake, rattle and roll
Well, you won’t do right
To save your doggone soul
Yeah, blow, Joe

Revolution will not be televised

You will not be able to stay home, brother.
You will not be able to plug in, turn on and cop out.
You will not be able to lose yourself on skag and
skip out for beer during commercials,
Because the revolution will not be televised.

The revolution will not be televised.
The revolution will not be brought to you by Xerox
In 4 parts without commercial interruptions.
The revolution will not show you pictures of Nixon
blowing a bugle and leading a charge by John
Mitchell, General Abrams and Mendel Rivers to eat
hog maws confiscated from a Harlem sanctuary.

The revolution will not be televised.
The revolution will not be brought to you by the
Schaefer Award Theatre and will not star Natalie
Woods and Steve McQueen or Bullwinkle and Julia.
The revolution will not give your mouth sex appeal.
The revolution will not get rid of the nubs.
The revolution will not make you look five pounds
thinner, the revolution will not be televised, Brother.

The revolution will not be right back
after a message about a white tornado, white lightning, or white people.
You will not have to worry about a dove in your
bedroom, a tiger in your tank, or the giant in your toilet bowl.
The revolution will not go better with Coke.
The revolution will not fight the germs that may cause bad breath.
The revolution will put you in the driver’s seat.

The revolution will not be televised, will not be televised,
will not be televised, will not be televised.
The revolution will be no re-run brothers;
The revolution will be live.

Soul power

Know we need it, soul power
We got to have it, soul power
Know we want it, soul power
Got to have it, soul power
Give it to me, soul power
We need it, soul power, we need it, soul power
We got to have it, soul power
I want to get under your skin
If I get there, i’ve got to win
You need some soul, come on get some
And then you’ll know, where I’m comin’ from
I may lay in the cut and go along
And I’m still on the case and my rap is strong
Huh huh, hey
Go jump on my train, when I’m outta sight
Just check yourself, huh, and say, yeah you’re right
Huh, hit me, give me, put it there, huh
Love me tender, and love me slow
If that don’t get it, jump back for more
We gottagottagotta, get in the bracket
Brother, if you fall on the ground
Remember you’ve got to get down, down downdown…
Huh, say it again, say it
If that don’t get it, jump back for more
Huh, come on, if that don’t get it, jump back for more

Fight the power

1989 the number another summer (get down)
Sound of the funky drummer
Music hitting your heart cause I know you got soul
(Brothers and sisters, hey)
Listen if you’re missing y’all
Swinging while I’m singing
Giving whatcha getting
Knowing what I know
While the Black bands sweating
And the rhythm rhymes rolling
Got to give us what we want
Gotta give us what we need
Our freedom of speech is freedom or death
We got to fight the powers that be
Lemme hear you say
Fight the power
Fight the power
We’ve got to fight the powers that be
As the rhythm designed to bounce
What counts is that the rhymes
Designed to fill your mind
Now that you’ve realized the pride’s arrived
We got to pump the stuff to make us tough
From the heart
It’s a start, a work of art
To revolutionize make a change nothing’s strange
People, people we are the same
No we’re not the same
Cause we don’t know the game
What we need is awareness, we can’t get careless
You say what is this?
My beloved lets get down to business
Mental self defensive fitness
(Yo) bum rush the show
You gotta go for what you know
Make everybody see, in order to fight the powers that be
Lemme hear you say
Fight the power
Elvis was a hero to most
But he never meant shit to me you see
Straight up racist that sucker was
Simple and plain
Mother fuck him and John Wayne
Cause I’m Black and I’m proud
I’m ready and hyped plus I’m amped
Most of my heroes don’t appear on no stamps
Right on, c’mon
What we got to say
Power to the people no delay
To make everybody see
In order to fight the powers that be

THEMES

EXTRA LINKS

  • Barack Obama (Selma’s anniversary speech, 2015)
    • We’re the slaves who built the White House and the economy of the South.  (Applause.)  We’re the ranch hands and cowboys who opened up the West, and countless laborers who laid rail, and raised skyscrapers, and organized for workers’ rights.We’re the fresh-faced GIs who fought to liberate a continent.  And we’re the Tuskeegee Airmen, and the Navajo code-talkers, and the Japanese Americans who fought for this country even as their own liberty had been denied.We’re the firefighters who rushed into those buildings on 9/11, the volunteers who signed up to fight in Afghanistan and Iraq.  We’re the gay Americans whose blood ran in the streets of San Francisco and New York, just as blood ran down this bridge. (Applause.)We are storytellers, writers, poets, artists who abhor unfairness, and despise hypocrisy, and give voice to the voiceless, and tell truths that need to be told.

      We’re the inventors of gospel and jazz and blues, bluegrass and country, and hip-hop and rock and roll, and our very own sound with all the sweet sorrow and reckless joy of freedom.

  • Blog:

maxresdefault

La più importante JAM SESSION SWING – GOODMAN @ CARNEGIE HALL (1938)

Goodman 1

PLEASE FIND ENGLISH VERSION BELOW

Anche questa volta, spazio soprattutto alla musica, senza troppi orpelli e parole.

Non si può però non introdurre uno dei concerti più famosi di tutti i tempi, l’esordio di Benny Goodman nel tempio newyorchese della musica classica, registrato dal vivo il 16 gennaio 1938. Testimonianza fondamentale di un passaggio decisivo per la diffusione del Jazz presso il largo pubblico e il cambiamento epocale che va sotto il nome di Swing Era. E per l’occasione speciale il generoso e ambiziono King of Swing volle con sé il meglio del Jazz dell’epoca, con rappresentanti delle orchestre migliori di tutti i tempi: Ellington (presente attraverso Carney, Williams e soprattutto un Hodges in grandissima forma al sax contralto) e Basie (lui stesso al piano, poi l’intera mitica All American Rhythm Section e Clayton e Lester Young al tenore!). Oltre ovviamente ai suoi grandi solisti, sia della big band (James e Elman alla tromba e Krupa alla batteria, tra gli altri) che dei piccoli combo (Hampton strepitoso).

Insomma, un live leggendario da gustare dalla prima all’ultima nota, pubblicato nel 1950 con la simpatica introduzione ai brani dello stesso direttore d’orchestra (come potrete sentire anche nel brano oggetto di questo post).

Ma veniamo alla Jam Session che ha fatto la storia dello Swing, quella che per circa 16 minuti realizzò nel teatro più famoso di New York la magia di un piccolo club fumoso notturno, portando l’arte dell’improvvisazione ai suoi massimi livelli in un luogo dove mai era arrivata. Sul tema di Honeysuckle Rose del grande Fats Waller, il cui tema è a gran ritmo suonato a inizio e fine della session, partono una serie di assoli che gareggiano per maestria, swing e fantasia. Perché le Jam Session non sono state inventate dal Be Bop negli anni ’40, ma da New Orleans in poi, anche se in forme diverse, hanno attraversato la storia del Jazz. Anche nell’epoca in cui veniva chiamato Swing!

Insomma, la perizia e l’estro di questi artisti si manifesta nella magia dell’improvvisazione e se è impossibile stilare una graduatoria, i gusti personali mi portano a sottolinearvi l’esibizione di alcuni dei 10 che si cimentano in questa impresa (nell’ordine dei solos: Lester Young, Count Basie, Buck Clayton, Johnny Hodges, rhythm section Count Basie + Freddie Green + Walter Page + Gene Krupa, Carney, Goodman, Green, James, Young, Clayton): Lester Young che nei suoi due spazi ci mostra col suo sax sempre un po’ dietro il ritmo perché fu influenza fondamentale per tanto del Jazz successivo, Count Basie che mette a tacere definitivamente tutti i dubbi sulla sua bravura non esibizionistica al piano, Johnny Hodges che lascia senza fiato dall’inizio alla fine, Benny Goodman che mette in chiaro perché il clarinetto è lo strumento per eccellenza del Jazz classico, Freddie Green che prende uno dei pochi assoli di tutta la sua lunghissima e luminosa carriera (!!!), Harry James infine che sorprende quasi per l’inventiva alla tromba, un po’ messa in secondo piano nel resto della sua carriera di successo.

Ecco qui questa perla musicale:

“Honeysuckle Rose Jam Session” – Carnegie Hall 1938

Buon divertimento e buon ascolto a tutti!

🙂

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

PS

Una chicca trovata su Internet: qui la riproduzione originale del programma della serata del 16/01/1938!

______________________________

Believe it or not: this mught really be the most important Jam Session in all the Jazz history. For sure during the Swing Era, because for the first time the King of Swing was invited to play in the temple of classical music in New York, the Carnegie Hall. The all concert is one of the most famous one and it worth a listening from the beginning ‘til the end. In this record released in 1950 you can also hear the friendly intros of Benny Goodman itself to every song.

And what about this unique Jam Session, played by some of the most important Jazz musicians members of the most important big bands, such as Goodman (James, Krupa), Ellington (Carney, Hodges) and Basie (Green, Page, Young, Basie itself). Because the Jam Session were surely not invented by Be Bop artists, but since New Orleans were the most original and improvisative part of Jazz. And you can hear it at the top, with a lot of solos played by the 10 artists involved in this session: in order Lester Young, Count Basie, Buck Clayton, Johnny Hodges, rhythm section Count Basie + Freddie Green + Walter Page + Gene Krupa, Carney, Goodman, Green, James, Young, Clayton.

I mean, listen to the tenor sax of Lester Young, to the alto of Johnny Hodges in full effect, to the Maestro level of Count Basie and Benny Goodman at their instruments, to the surprising Harry James at the trumpet. And, last but not least: the mighty Freddie Green playing one of his unique guitare solos!!!

It really worth dedicated approx 16 minutes to this musical pearl.

What can I say? Enjoy!

🙂

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

Goodman 2

QUESTO È IL JAZZ! – THIS IS JAZZ! (After Hours, 1958)

4932365618_908ff21946_o

[Portrait of Roy Eldridge, Spotlite (Club), New York, N.Y., ca. Nov. 1946] (LOC) Gottlieb, William P., 1917-, photographer.

PLEASE FIND ENGLISH VERSION BELOW

Questo breve filmato, girato come puntata pilota di una trasmissione televisiva sul Jazz (che poi non fu mai realizzata, purtroppo), contiene tutti gli elementi essenziali della nostra musica (e del nostro ballo, visto che le due cose sono strettamente collegate nel Jazz). In soli 20 minuti abbondanti After Hours (titolo originale di questo video girato nel 1958) condensa tutti gli elementi essenziali: la musica trascinante di un combo composto da eccellenti musicisti, la voce e lo scat di una cantante straordinaria, il ballo di due dei principali ballerini della storia del Lindy Hop e dell’Authentic Jazz, l’atmosfera notturna di un club newyorchese dopo la chiusura al pubblico (quando i musicisti si dedicano alle jam session per il puro piacere di suonare e creare).

E quale meravigliosa squadra troviamo impegnata in una serie mozzafiato di brani tra lo Swing e il Be Bop (siamo nel 1958 e un grande come il tenorsassofonista Coleman Hawk Hawkins si pone curiosamente tra i due mondi musicali, come anche il trombettista Roy Little Jazz Eldridge, principale ispiratore della svolta di Dizzy Gillespie): i già citati straordinari solisti Hawkins ed Eldridge, ma anche altri grandi di questa musica come Cozy Cole alla batteria, Johnny Guarnieri al piano, Mint Hinton al contrabbasso e Barry Galbraith alla chitarra. Con la presenza eccellente e sorprendente della cantante Carol Stevens, che interpreta alla grande alcuni degli standard, inscenando anche una simpatico solo di scat singing insieme a Little Jazz.

L’episodio pilota si svolge significativamente nella 52esima strada di Manhattan piena di Jazz Club, ribattezzata Swing Street. Poteva mancare il ballo e in particolare il Lindy Hop? A ulteriore riprova non solo che lo Swing non è morto dopo la fine dell’epoca delle Big Band (ma è passato attraverso il Be Bop negli anni ’50 mantenendo intatta la sua carica di ritmo), ma anche che il Lindy Hop non è mai del tutto scomparso dalle scene e dai palcoscenici, ecco che troviamo due dei migliori ballerini afroamericani di tutti i tempi, Al Minns e Leon James, che si scatenano in una serie di passi solo e in coppia. Un vero piacere per gli occhi godere la loro interpretazione di un brano scatenato della band, come anche il ballo più “social” accennato dai finti camerieri un paio di canzoni prima. Sì perché ovviamente tutte le atmosfere sono ricostruite in studio, mentre i brani sono stati improvvisati dal vivo dai musicisti per l’occasione.

Canzoni magnifiche come Lover Man, Just you, Just me o Taking a Chance on Love sono interpretate dal gruppo con un incredibile tiro ritmico swing che non si ferma mai e una grande perizia negli assoli (più vicini al contemporaneo Be Bop). L’atmosfera di un vero Jazz Club è ricreata con dovizia di particolari ed è un vero peccato che i produttori decisero dopo questo pilota di non proseguire con le riprese (si era d’altronde in una fase calante di successo per il Jazz, a tutto vantaggio di forme più commerciali e semplici di musica).

Non si può chiudere meglio questo post dedicato ad una vera gemma che con quanto dice la voce fuori campo all’inizio del film: “This is my beat, the jazz beat”!

🙂

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

PS

Quasi dimenticavo: ecco il link alla versione completa e originale! 😉

________________________________

Sometimes you can find all you need in order to describe a wonderful musical world in a short movie. This is why After Hours (original title) is so important: in only 20 minutes circa you have Jazz music and dance in its best performance. Filmed in 1958 as a pilot episode of a television show (which unfortunaly never saw the light afterwards), it is staged in a Jazz Club in the so called Swing Street (52nd) in Manhattan, NY.

What a show with Coleman Hawkins, Roy Eldridge, Cozy Cole, Mint Hinton, Johnny Guarnieri and Barry Galbraith performing live great music, between the swingin’ pulse and the Be Bop soloist style. In 1958 artists such as Hawk and Little Jazz were the living bridge between different styles and periods of Jazz. Plus a great surprise, the singer (also scat singer) Carol Stevens, what a voice and savoir-faire on stage (enjoy the scat battle with Roy!).

And, when I wrote that here you can find all that we need, here it comes the dance, the Lindy Hop and Authentic Jazz steps! We have here 2 of the greatest afroamerican dancers of all times: Al Minns and Leon James live and loud! Both dancing solo and couple coreos, it is really a pleasure for our eyes to watch them performing (another proof that Lindy Hop never really disappeared from theatres and shows, even during the hard times when other kind of pop and commercial music was kicking Jazz out of the charts).

Therefore, I fully recommend After Hours as the best intro to Jazz musica and dance. As the voice says in this short movie, never forget that: “This is my beat, the jazz beat”!

🙂

Here is the link to this film, an authentic monument of a wonderful musical Era.

Enjoy!

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

5306980528_951c633965_o

[Portrait of Coleman Hawkins and Miles Davis, Three Deuces, New York, N.Y., ca. July 1947] (LOC) Gottlieb, William P., 1917-, photographer.

Metti 3 geni musicali in uno studio di registrazione nel 1945 – The fabulous BIRD+DIZZY+GAILLARD 1945 LA session

_20160125_143743

PLEASE FIND ENGLISH VERSION BELOW

Era la fine del 1945, quando Charlie Parker e Dizzy Gillespie (il quale leggenda vuole che scampò alla chiamata alle armi minacciando che avrebbe usato la carabina per sparare ai suoi nemici più vicini, cioé i bianchi statunitensi) di avventurarono in California, terra accogliente e solare, ma non per il nuovo corso Be Bop del Jazz. I due giovani rivoluzionari musicali ebbero infatti parecchi problemi a trovare ingaggi e incontrarono una scena e un pubblico ancora molto tradizionalista. In uno dei locali notturni in cui suonarono divisero la scena con quell’alieno sceso sulla terra di nome Slim Gaillard, uno dei più grandi (e meno famosi) geni della fantasia artistica di tutti i tempi (su di lui scrissi già un’ode qui).

E nel dicembre di quell’anno Slim gli trovò la possibilità di incidere a Los Angeles con una band di tutto rispetto 4 brani, che restano negli annali come un momento magico della nostra musica, per la congiunzione tra stili e personalità così differenti, che il loro incontro non poteva che lasciare il segno (oltre a dimostrare che, al di là delle etichette, il Jazz è uno solo). A suonare con loro c’erano Dodo Marmarosa, un talentuoso pianista italoamericano che prima di impazzire fece in tempo ad essere tra i primi bianchi a suonare il nuovo Jazz, ma anche un vecchio leone alla batteria come l’ex-sodale di Armstrong Zutty Singleton e il giovane sassofonista Jack McVea, che invece si avviava verso la strada di alcune hit di successo nella nascente scena Rhythm and Blues.

E così il quadro è completo: lo Swing unico di Slim incontra la maestria Be Bop di Dizzy e Bird e il tipico sax tenore RnB di McVea.

Ascoltiamoli per cominciare nell’esilarante jam session, durante la quale Slim annuncia a suo modo (voutoooorooney!) tutti i musicisti (e si sente anche la voce di un divertito Parker):

Slim’s Jam

Oppure nel brano più veloce e boppeggiante, composizione di Gaillard (come anche tutti gli altri brani) arricchita dagli assoli di Parker e Dizzy:

Popity Pop

O ancora in un ballabile più classicamente basato su un basso continuo stile boogie, dedicato evidentemente al grande e giovane trombettista della session:

Dizzy Boogie

Chiude il cerchio un grande classico Swing, Flat Foot Floogie, che vi lascio scoprire da soli, eseguito a ritmo sostenuto da tutti i musicisti.

Insomma, a modesto parere del sottoscritto una delle pagine più luminose della musica Jazz, per le note suonate ma anche per quel che rappresenta. Che merita di essere maggiormente conosciuta (e questi brani si possono trovare in diversi vinili o raccolte che consiglio, come quelle in fotografia).

Enjoy!

🙂

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

_____________________________

It was December 1945 when Dizzy Gillespie and Charlie Parker, the revolutionaries Be Bop musicians, arrived to Los Angeles and found a California Jazz scene and public not yet ready for their music. It was hard for them to play their music and to find a venue. Some nights they shared the stage with Slim Gaillard, the mighty genius of musical fantasy, and from there is was born one of the most fabolous jam session and studio recording of all times (in my humble opinion), because it was the meeting of the new and good old Jazz and it proves that Jazz is on and only music, beyond categories and styles. In these 4 tracks you can find some old melodies enriched by new school solos, with a very good band lead by Slim Gaillard: between the others it worth to mention Dodo Marmarosa at the piano, Zutty Singleton at the drums and Jack McVea tenorsax. They were musicians with different careers in time and space, united for this unique session and playing together with their mix of Hot Jazz, Swing, Early RnB and Be Bop. Please listen to their tunes and enjoy this music, it really worth to be known as one magic meeting in the sunny California, time ago in December 1945.

Di quale meravigliosa ERA DELLO SWING stiamo parlando? – What really was THE SWING ERA?

tumblr_lzsv85zFdQ1qbz9meo1_1280

In 1937, LIFE published Margaret Bourke-Whites ‘American Way’ photograph.

PLEASE FIND ENGLISH VERSION BELOW

Il titolo di questo articolo vuole ovviamente essere una piccola provocazione, da parte di un appassionato di musica e ballo degli anni ’30 e ’40 (in particolare), che è però anche un docente di storia. Non ho potuto infatti fare a meno di notare una certa nostalgia nel mondo Swing odierno, che non riguarda solo gli aspetti musicali, ma spesso anche il costume e la società della prima metà del Novecento.

Ritengo utile allora fornire un breve riepilogo per punti di quelli che sono stati alcuni aspetti importanti di quei decenni, che non andrebbero sottovalutati e che dovrebbero essere presi in considerazione, prima di cadere in un troppo facile atteggiamento di nostalgia e rimpianto per i tempi irrimediabilmente perduti (e in molti casi è il caso di aggiungere: per fortuna).

Non pretendo di essere obiettivo, ma un minimo informato sì (e aperto alla discussione e al confronto). Questo articolo quindi non parla di musica, ma di aspetti sociali, storici e culturali degli anni ’20, ’30 e ’40, cioè l’epoca in cui fiorì la musica Hot Jazz e Swing che amiamo tanto.

GLI ANNI ’20 E LE TRASGRESSIVE AVANGUARDIE ARTISTICHE

adbusters_AlexanderRodchenko

“LENGIZ BOOKS ON ALL SUBJECTS!” 1925. ALEXANDER RODCHENKO.

Distinguiamo innanzitutto, un po’ sommariamente invero, tra i decenni in oggetto. L’inizio del Novecento, fino agli anni ’20, fu un periodo di fioritura per diversi movimenti culturali innovativi, anche in campo musicale (con il Jazz). Le cosiddette avanguardie storiche adottarono spesso come colonna sonora le manifestazioni più moderne provenienti dagli Stati Uniti. Anche a Mosca, centro dell’Unione Sovietica, in questo periodo si diffusero band e ci furono tour di importanti artisti neri. Berlino, Parigi, Mosca, Londra si distinguevano come capitali culturali ricettive e aperte, seppure in un periodo di crisi dovuta all’uscita dalla distruttiva Prima Guerra Mondiale.

Negli Stati Uniti precedenti alla crisi economica del ’29, siamo in piena Jazz Age, quell’epoca di sfrenatezza charleston narrata da Francis Scott Fitzgerald. Ma non dimentichiamo che stiamo parlando di un mondo dorato spesso appannaggio dei soli ceti alto-borghesi della società, mentre il Jazz era nato nei quartieri poveri e a luci rosse di New Orleans e del sud degli USA. Con la migrazione lungo il Grande Fiume dei neri americani dal sud razzista al nord industriale, anche la nostra musica migra e si trasforma a Chicago e poi New York, ma sempre in locali in cui gli afroamericani possono suonare sul palco, ma non sedere tra il pubblico.

IL RITORNO ALL’ORDINE DEGLI ANNI ’30 IN EUROPA

Adolf Hitler and Benito Mussolini in Munich, Germany, ca. June 1940.

Adolf Hitler and Benito Mussolini in Munich, Germany, ca. June 1940.

I tragici cambiamenti politici che portarono in Europa all’affermazione del nazifascismo in Italia e Germania (e poi nei territori progressivamente occupati o annessi), lasciarono un segno indelebile anche sulle società e sulla cultura di quegli anni. In campo artistico, la spinta trasgressiva delle avanguardie fu arrestata da un dietrofront imposto dal nuovo clima politico. Anche nell’URSS, lo stalinismo riuscì a bloccare l’avanguardia dirompente del futurismo e del costruttivismo. Parziale e iniziale eccezione fu il futurismo italiano, che però fu di fatto neutralizzato sempre più da quel fascismo che ufficialmente lo sostenne in campo culturale. Nella storia del costume, l’Italia in particolare resta una nazione arretrata, in cui il tradizionale bigottismo e maschilismo creano un mix avverso a tante nuove forme di ballo e musica. Il Jazz, pubblicamente condannato e costretto ad autarchiche e ridicole traduzioni, viene apprezzato e tollerato solo per gli strati alti della società (fino al paradosso del figlio del Duce che divenne un famoso jazzista). Lo stesso avviene ovviamente in Germania, dove questa musica è messa al bando in quanto negroide ed ebraica (e rispetto a queste radici tutti i torti i nazisti non li avevano), ma continua a circolare in maniera sotterranea nei club. Le condizioni di vita della popolazione europea diventano progressivamente sempre più dure, con l’approssimarsi del secondo e decisivo conflitto mondiale.

6277572809_bc3b274bf3_o

Palazzo della Civiltà Italiana all’EUR (1938-1953), opera di Giovanni Guerrini, Ernesto Lapadula e Mario Romano

GLI STATI UNITI SEGREGAZIONISTI E QUELLI DI ROOSEVELT

8882872597_9a59601d72_o

Title: Bud Fields and his family at home Creator(s): Evans, Walker, 1903-1975, photographer Date Created/Published: [1935 or 1936]

Passando dall’altra parte dell’Oceano (con quel salto, hop, che compì anche il filonazista Lindbergh in aereo nel 1927) la prima cosa da mettere in rilievo sono le pesanti condizioni di povertà e segregazione in cui vivevano le minoranze negli Stati Uniti. La più celebre è quella afroamericana, ma parliamo anche degli immigrati di origine europea (ed italiana), oltre che dei nativi americani. Con la Grande Depressioni le condizioni divennero più dure per tutta la popolazione e come avviene spesso a farne le spese furono soprattutto le parti più emarginate della società. Come ho già ricordato, il mondo musicale fu un ambito di relativa libertà e proprio per questi tanti artisti di colore scelsero questa strada, ma resta il fatto che nel Sud non potevano andare in tour con le band e che nei locali anche nel Nord dovevano entrare dalla porta di servizio. Tanti dei nostri beniamini musicali subirono ingiustizie e soprusi per il loro colore della pelle (o origine geografica).

Il ruolo che ebbe Roosevelt, uno dei politici più importanti di tutto il Novecento, fu importante non solo dal punto di vista economico (con il New Deal che rimise in sesto la superpotenza nordamericana), ma anche culturale e sociale. Promosse programmi per sostenere la musica popolare e anche le forme considerate del folklore afroamericano (Blues, Jazz). Tante fotografie e registrazioni di quel periodo furono dovute ad iniziative statali nell’ambito del New Deal. Questo uomo politico statunitense è ancora oggi accusato dai suoi detrattori dall’altra parte dell’Oceano Atlantico di essere stato un socialista camuffato (un po’ come dicono che Obama sia di nascosto musulmano).

L’Era dello Swing negli Stati Uniti fu legata anche a questo periodo di risveglio e uscita dalla crisi, la musica giocò un ruolo importante, stavolta per tutta la  popolazione. Giova ricordare anche che l’alleanza tra USA e URSS, insieme ai movimenti di resistenza interni ai paesi europei, liberò il mondo dalla dittatura nazifascista. Con la fine della Seconda Guerra Mondiale e l’inizio della Guerra Fredda invece gli Stati Uniti imboccarono un’altra strada, sia musicalmente che politicamente. Potremmo parlare di Rock’n’Roll e caccia alle streghe anticomuniste (maccartismo), ma questa è un’altra storia, rispetto a quella a cui guardiamo in questo blog.

FSA/8d23000/8d234008d23463a.tif

Title: Washington (southwest section), D.C. Neighborhood children Creator(s): Parks, Gordon, 1912-2006, photographer Date Created/Published: 1942 Nov.

Mi rendo conto della sommarietà di questo riassunto storico, frutto anche ovviamente del mio personale punto di vista. Non volevo però tediarvi, ma solo mettere in luce come dobbiamo andarci piano con la nostalgia, quando dal campo musicale e artistico la trasferiamo ad aspetti sociali e storici di epoche che ci hanno senza dubbio insegnato molto, ma contenevano anche tanti aspetti (anche di mentalità) che tutto dovremmo fare, meno che rimpiangere.

Come sempre, my 2 cents.

😉

Mazz Jazz aka Professor Bop

_____________________

The title of this article is obviously a little bit provocative, because music and dance of the ’30s and ’40s are my passions, but I’m also an history teacher. I see too much nostalgie around our dance scene, about years that were far from being a golden age, from many points of view. I mean, we can talk about music and enjoy so much this musical period, but come on people, let’s also think about society and culture.

I think it might be useful, in order to avoid and easy and too superficial feeling of nostalgie for the good old times, to write something about those times. I know I’m not objective and it is my personal point of view, but I also think I can say something about the era when Hot Jazz and Swing were born.

THE 20’s AND THE ARTISTIC AVANTGARDE MOVEMENTS

First of all, we should think about this: the Twenties and the beginning of the century where more or less everywhere a period full of innovative cultural movements, also in music (with Jazz). This modern music was a soundtrack for many young artists in Berlin, Moscow, Paris and London. Even after the distructions of the 1WW, art and society were generally opened to new hopes and brave initiatives.

In the USA we are, before the 1929, in the middle of the so called Jazz Age, the charleston times told by Francis Scott Fitzgerald. But anyway this was a luxury world for a few people, the high society. Even if Jazz was born in the down south poor suburbs, it became a funny way of living most of all for rich and white people. Migrating along the Mississippi in the north, afroamerican people brought Jazz and Blues with them, into clubs where they were not allowed to sit in between the audience.

EUROPE IN THE 30’s AND THE END OF THE TRANSGRESSIVE AVANTGARDE

Nazifascism in Europe was not only a matter of politics, but also it influenced deeply culture and art. Music too. Avantgarde was killed by a new political trend. Even in the USSR Stalin stopped most of the innovative futurist and constructivist artists. Italian futurism was anyway neutralized by the same fascism that was its political partner. Italy was still a country with a rural and non modern mentality, full of the traditional religious influence and machism too. Jazz was officialy banned as a negro and jewish music, but it was tolerated in Italy and Germany only for the upper class, as a way to have fun and dance. Jazz was still alive in the underground anyway, while life of the people became harder and harder the more 2WW got closer.

USA: RACISM AND NEW DEAL

On the other side of the Atlantic Ocean (let’s make a hop, like the filonazist Lindbergh by airplane in 1927) first time that comes to my mind is that minorities were living in hard and poor condition of segregation. We know about afroamericans, but the same was for european immigrants and native americans. The Great Depression was making it even worst and the weak parts of society had mostly to face this. Music was somehow a world with more freedom and this is why many blacks choose this career, but anyway they couldn’t tour in the South and also in the North they had to enter from the backdoor. Many of our musical heroes were discriminated and segregated and had difficult times for the colous of their skin (or their ethnical  origin).

Roosevelt was one of the most important politicians of the last century for the New Deal, but also for the cultural and social influence he had. He funded new programs in order to record and promote folk music (and Blues and Jazz were considered like that often), so many photos and records of those times were a New Deal initiative. And we should consider that many people in the US still consider Roosevelt a dangerous socialist leader!!!

The Swing Era was an age of awakening and opening and music had an important part in this, also for everyday life of the common people. Roosevelt, Stalin and the Resistance in Europe gave to the world a future beyond nazifascism, we shouldn’t forget this. What came after? The Cold War, Maccartism and Rock’n’Roll, but this is another story, not included in this blog.

I know this is not a complete historical summary of those days, but my intention was to consider some of the “dark sides” of thos wonderful musical times. We should also think about this, when we talk about vintage society with eyes that are a bit blinded by the fascination of the past.

As usual, my 2 cents.

😉

Mazz Jazz aka Professor Bop

Perché la musica dal vivo – Jazz is (a)live

3461440976_8c48808d82_o

The Colored Idea Band of Sonny Clay arrives in Sydney, 1928 / Sam Hood [State Library of New South Wales]

PLEASE FIND ENGLISH VERSION BELOW

Senza volere rientrare nel campo dell’ovvio, la scarsità di occasione per gustare della buona musica Jazz dal vivo, in particolare nella sua versione ballabile, mi spinge a dedicare queste poche righe all’importanza che per questo genere musicale ha la dimensione dal vivo.

Non si tratta solo di riconoscere ai musicisti (che hanno studiato anni) la bravura per avere raggiunto la loro capacità espressiva con gli strumenti, anche se sarebbe importante ribadire che anche durante le serate danzanti gli applausi a chi sta sul palco sarebbero doverosi. Intendo proprio sostenere che questa forma musicale è nata e vive solo esprimendosi dal vivo, manifestandosi nella sinergia “in diretta” tra i musicisti e tra i musicisti e i ballerini (quando tutto ciò avviene in una sala da ballo). In questo modo in passato il Jazz si è evoluto e continuerà a farlo solo se riusciremo a creare sempre più occasioni di festa, ballo e ascolto dal vivo.

La dimensioni improvvisativa stessa del Jazz si alimenta delle occasioni in cui chi sta sul palco può interloquire con un pubblico. Preme ribadire inoltre che i molti musicisti giovani che abbiamo anche nella città di Milano, potranno continuare a deliziare le nostre orecchie e i nostri piedi felici solo se sapremo creare gli eventi e le iniziative in grado di sostenerli nel loro lavoro e passione musicale.

Penso sempre che sia un peccato vedere come ai concerti l’età media sia così alta, un’occasione persa per conoscere meglio il Jazz. Un invito allora: non perdiamo l’occasione di celebrare il Jazz (e lo Swing) suonato dal vivo da musicisti, anche il ballo ne trarrà giovamento, sprigionando maggiore creatività e felicità.

Viva il Jazz, viva i musicisti!

🙂

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

______________________________

It might sounds obvious, but it is unfortunately not easy to listen Jazz music live, even in dancing parties, so I’d like to write a few lines dedicated to explain how music live music and musicians are important for this kind of music.

First of all, it’s time to recognize to musicians their hard work, in order to develop their skills with their instruments. Years of study deserve our thankful applause (also during dance events and concerts). Plus, this kind of music was born and it’s alive most of all when played in a live session, with the sinergy between the musicians on stage and between the musicians and the dancers. Live and direct. Jazz will go on only if we will be able to organize and partecipate to concerts and bands will be able to play their music on stage.

Improvisation itself, as an important part of Jazz, is alive only when a musician can “talk” to an audience. Plus, it’s important to give to young musicians an opportunity to play and work, so they will be able to provide us good music more and more also in the future!

What a pity: most of the times audiences are pretty old, young people often don’t attend concerts. My humble suggestion: let’s enjoy Jazz (and Swing) music live, even our dances will be more creative and happier.

Raise your hands up for Jazz, raise your hands up for live music!

🙂

Mazz Jazz (aka Professor Bop)

5105149798_01751d3f23_o

[Portrait of Charlie Parker, Tommy Potter, and Max Roach, Three Deuces, New York, N.Y., ca. Aug. 1947] (LOC) – Gottlieb, William P., 1917-, photographer.